La prima seduta del Consiglio

La prima seduta ufficiale del Consiglio

        

Dopo le due riunioni preparatorie, si è tenuta, martedì 23 marzo, la prima seduta ufficiale del Consiglio delle ragazze e dei ragazzi della Città di Aosta. Convocata dal presidente Domenico Cataldo, e svoltasi simultaneamente alla riunione dell’Assemblea “dei grandi”, la sessione si è aperta con l’appello, a cura della Segretaria Stefania Negretto.
 
 
Ha quindi fatto seguito l’introduzione del presidente del Consiglio comunale, Renato Favre, che ha ripercorso le tappe del progetto, soffermandosi inoltre sulla sua valenza di momento elevato di educazione civica e di “investimento” delle istituzioni cittadine sul futuro di Aosta.
 
La parola è quindi tornata ai ragazzi, che – nell’arco di circa due ore - hanno dibattuto un ordine del giorno composto complessivamente da undici punti. Tra questi, si sottolineano alcune iniziative riguardanti tematiche già affrontate dal Consiglio comunale (come la sensibilizzazione sull’uso di borse di tela, in vista dell’abbandono dei sacchetti di plastica), segno della sensibilità con cui i ragazzi hanno approcciato quest’esperienza.
 
I punti in discussione sono stati illustrati, a rotazione, da quasi tutti i dodici eletti nelle tre istituzioni scolastiche che hanno preso parte al progetto (ma erano presenti alla seduta anche gli altri componenti delle classi coinvolte, per un totale di circa sessanta alunni), evidenziando così come il percorso affrontato con gli insegnanti sia stato fatto anche di attività di ricerca e preparazione durante le lezioni.
 
 
La seduta del 23 marzo ha rappresentato il momento culminante, nella legislatura che volge a conclusione, del progetto. L’attività del Consiglio “degli adulti” è prossima alla conclusione, quindi non è possibile mettere in calendario per ora nuove sedute dei giovani, ma è un dato che il Consiglio delle ragazze e dei ragazzi sia ora una realtà di cui l’Amministrazione era sino ad oggi sprovvista.
 

    

 

[Pagina principale del Consiglio comunale dei ragazzi]