posta comune

posta comune
Piazza Chanoux, 1 la post@ del Comune

Inizia, da questo numero di "Aostainforma", una nuova rubrica. Si tratta di uno spazio nel quale viene data risposta pubblica ad alcuni quesiti posti originariamente al sindaco Grimod, o ad altri uffici dell'Amministrazione, ma ritenuti dalla redazione di interesse generale e, pertanto, da portare a conoscenza dell'intera popolazione. Al riguardo, ricordiamo che è possibile indirizzare domande e osservazioni al Sindaco ricorrendo all'indirizzo e-mail sindaco@comune.aosta.it. Allo stesso modo, un "filo diretto" è possibile ogni martedì mattina, dalle 11 alle 13, tramite il numero verde 800 850 084. Infine, gli orari di ricevimento dei componenti della Giunta comunale sono indicati nella seconda pagina di copertina.
Nelle scorse settimane avevo appreso, da alcuni articoli di giornale, la vicenda legata al mancato approvvigionamento di Carte d'Identità Elettroniche. Mi chiedo posta comunese, a distanza di qualche tempo, ai cittadini di Aosta vengano nuovamente rilasciate delle CIE, oppure se l'Ufficio competente continua - come spiegato a suo tempo - ad emettere il documento nella versione cartacea?
Negli ultimi contatti con l'Amministrazione regionale (cui il Ministero dell'Interno fa riferimento per la vicenda legata alle Carte d'Identità Elettroniche), il Comune ha ricevuto rassicurazioni sul fatto che un approvvigionamento di CIE fosse imminente. È ragionevole, pertanto, pensare che dai primi giorni di Aprile i cittadini che si rivolgono all'Ufficio competente possano ottenere nuovamente la versione digitale della Carta d'Identità. Resta la spiacevole constatazione di come il Comune abbia, almeno apparentemente, creato un disagio ai cittadini, quando questo è stato assolutamente indipendente dalla sua volontà.
La primavera è iniziata da pochi giorni, ma passeggiando per la città, e guardando le aree verdi, non ho notato il livello di cura visto, in questo stesso periodo, in passato. Esiste un motivo particolare per questa situazione?
L'Amministrazione aveva indetto l'appalto per l'affidamento del servizio di manutenzione e cura delle aree verdi comunali. La sua aggiudicazione, tuttavia, è stata oggetto di ricorsi da parte di due società partecipanti. Ciò ha fatto sì che, stante la controversia in corso, il Comune abbia dovuto limitare gli interventi all'indispensabile. Questo non significa però che il patrimonio verde di Aosta (del quale fanno parte, tra l'altro, 131.000 metri quadrati di aree erbose e oltre 420 fioriere) sia stato trascurato. Comunque, il Tribunale Amministrativo della Valle d'Aosta ha depositato negli scorsi giorni la sua sentenza in merito, respingendo entrambi i ricorsi. Ciò, oltre a confermare la bontà delle scelte amministrative compiute a suo tempo dal Comune (e l'efficace difesa operata dall'Avvocatura comunale, vista la complessità della causa), dà nuovamente piena efficacia agli atti adottati dall'Amministrazione nel quadro dell'appalto. Sarà pertanto possibile riprendere, nella loro globalità, le operazioni di manutenzione e cura del verde.


Inaugurazione del plesso scolastico "Saint-Martin"

posta comuneUna cerimonia festosa arricchita dalla vitalità e dalla creatività dei bambini, ha sottolineato ufficialmente, il 2 marzo scorso, la fine dei lavori di ristrutturazione della scuola "Saint- Martin". Completati nel giugno 2006, in tempo per l'inizio dell'anno scolastico 2006/2007, i lavori hanno visto l'abbattimento delle barriere architettoniche, il posizionamento di un ascensore, il rifacimento totale di tutti gli impianti, la sostituzione dei serramenti interni (poiché quelli esterni erano già stati oggetto di un precedente intervento), la tinteggiatura delle pareti esterne ed interne e il rifacimento completo del tetto della "parte vecchia" dell'edificio. È posta comunestato inoltre demolito il corpo (costruito più di 25 anni or sono) prefabbricato, divenuto obsoleto. Gli stessi volumi sono stati ricostruiti in muratura tradizionale, ricavando anche una struttura coperta all'esterno dell'unità principale, per le attività comuni della scuola dell'infanzia. L'ammontare complessivo dei lavori effettuati è di 2 milioni e 400 mila Euro.