polizia notte

polizia notte

polizia notte
Polizia Locale operativa anche di notte

All'orizzonte un significativo ampliamento del servizio

Alcuni recenti fatti di cronaca, relativi ad episodi di violenza in locali pubblici, unitamente ad un aumento dei fenomeni di microcriminalità, hanno rilanciato il tema della sicurezza nella città di Aosta. La situazione, seppur non tale da essere giudicata preoccupante, è comunque stata oggetto di riflessione immediata da parte delle autorità competenti. In particolare, il Comitato Ordine e Sicurezza Pubblica, presieduto dal Presidente della Regione nelle sue funzioni Prefettizie, ha dedicato una riunione all'argomento, individuando alcune soluzioni, tali da offrire delle prime risposte per continuare a garantire i livelli di sicurezza e tranquillità che hanno tradizionalmente caratterizzato la nostra realtà.
Per quanto riguarda i locali, la situazione è stata approfondita anche attraverso un successivo confronto tra il Questore e i gestori. Le misure rafforzative sono costituite, in questo caso, da un incremento del ricorso ai sistemi di videosorveglianza, nonché da un utilizzo di guardie giurate per compiti legati alla "security" della clientela. Per quanto riguarda il controllo del territorio, invece, la formula adottata ed unanimemente condivisa tra gli operatori del settore (del COSP fanno parte, oltre al Questore, i comandanti delle altre Forze dell'Ordine e il Sindaco di Aosta) è quella di un incremento dei servizi di pattugliamento, accompagnato da una razionalizzazione dei compiti dei vari "attori" in campo.
In quest'ottica, l'Amministrazione comunale offrirà un contributo rappresentato da un maggior impegno della Polizia Locale, chiamata ad estendere il suo servizio alle ore notturne. L'utilizzo delle risorse del Comando di via Monte Emilius avverrà soprattutto per la rilevazione degli incidenti stradali, sgravando così Polizia, polizia notteCarabinieri e Guardia di Finanza da quest'incombenza (si tratta di operazioni a volte complesse, che nel caso di sinistri gravi possono protrarsi anche per ore) e consentendo loro di dedicare un maggior numero di uomini all'ordine pubblico e ai compiti di sorveglianza del territorio.
Ovviamente, una tale estensione del servizio di Polizia Locale presuppone degli adempimenti organizzativi, con alcune implicazioni di carattere sindacale, per cui potrà essere operata solo in maniera graduale e con il dovuto confronto tra le parti interessate. Tuttavia, la Giunta comunale ha individuato un percorso in grado di portare al risultato atteso, muovendo già anche i primi passi. Presentarlo in queste pagine offre, inoltre, l'occasione propizia per parlare diffusamente di un servizio che troppo spesso viene considerato solo per gli aspetti sanzionatori della sua attività, dimenticando che i compiti assegnati alla Polizia Locale attengono soprattutto ad aspetti importanti della vita della comunità aostana, come l'ordine della circolazione.

Le risorse
Al Comando di via Monte Emilius operano, in questo momento, quarantanove unità: un comandante, tre funzionari, sei istruttori e trentanove agenti. L'attività è articolata, attualmente, su due turni: uno mattutino e uno pomeridiano, con termine alle ore 21. A fronte di particolari evenienze possono essere istituiti dei servizi straordinari, ma è ovvio che ciò deve avvenire compatibilmente con le norme sul riposo del personale, per cui si tratta per lo più di soluzioni "tampone". L'inserimento delle attività notturne, chiamato ad avere carattere ben più stabile, deve passare necessariamente attraverso una rimodulazione dei turni. Ciò presuppone il completamento della pianta organica (attualmente risultano da ricoprire due posti da istruttori e tre da agenti) ed il suo successivo potenziamento, al fine di disporre di maggiori risorse da impiegare, consentendo l'adeguata rotazione tra gli addetti.

Gli uffici
Nella situazione odierna, il compito "principe" della Polizia Locale, ovvero il controllo della viabilità, impiega sedici agenti. La Polizia Amministrativa (da cui competono, tra l'altro, il servizio del "Vigile di quartiere", le autorizzazioni per le ZTL e la vigilanza ambientale) cinque e l'Ufficio infortunistica (impegnato nell'intervento in caso di sinistri stradali) tre. Quattro agenti adempiono ai compiti di Polizia commerciale (relativi, soprattutto, alla sovrintendenza dei mercati) ed altrettanti alla gestione delle sanzioni amministrative e del contenzioso. Allo svolgimento delle mansioni di Polizia giudiziaria è destinata una risorsa, mentre due, presso la Centrale operativa, garantiscono il coordinamento delle unità in servizio. Completano il quadro un piantone e due addetti alla segreteria del Comando. Ad ognuna di queste attività sovrintendono, assieme agli agenti, uno, o più, istruttori. Da questa "fotografia" degli uffici in cui è suddiviso il Comando emerge nitida la molteplicità di settori - più numerosi di quanto si possa pensare di primo acchito - in cui la Polizia Locale opera quotidianamente.

Potenziare il personale
Il Patto di Stabilità regionale, nell'introdurre misure per il contenimento della spesa degli Enti locali della Valle d'Aosta, stabiliva l'impossibilità, per l'anno in corso, di procedere alla copertura di più della metà dei posti vacanti nei rispettivi organici. Il contributo che il Comune intende dare attraverso la Polizia locale attiene ad esigenze di sicurezza e non può essere valutato meramente sotto il profilo economico. Pertanto, la Giunta comunale ha richiesto all'Amministrazione regionale la possibilità di derogare a tale norma, ottenendola. Sarà quindi possibile procedere a coprire tutti i posti disponibili.

Servizi notturni: il primo passo
Queste assunzioni permetteranno alla Polizia Locale, nell'ottica di dare risposte alle attese della comunità e delle altre Forze dell'ordine, di muovere i primi passi nella notte. Accadrà a breve (sono in via di completamento le procedure sindacali ed organizzative), in modo sperimentale (per valutare anche il numero e la tipologia di interventi), limitatamente alle nottate di venerdì e sabato. Quei servizi coinvolgeranno una pattuglia e un operatore preposto alla Centrale operativa. Sarà inoltre assicurata la reperibilità di un graduato. In questo modo, oltre a garantire la copertura notturna, nei due giorni che precedono la domenica, la presenza della Polizia Locale sul territorio avverrà per tutte le ventiquattr'ore.

La soluzione ottimale
Il successivo potenziamento dell'organico (prevedendo quindi dei nuovi posti) permetterà di organizzare le attività per dare completa attuazione al progetto definito dalla Giunta. Esso prevede l'estensione a tutti i giorni della settimana del servizio notturno, ma non solo. L'ipotesi (che prevede anche accordi tra i vari Enti locali coinvolti) è di organizzare un sistema di controlli, pattugliamenti e rilevazioni di sinistri stradali esteso all'intera "Plaine d'Aoste" (ovvero l'area compresa tra Saint-Pierre e Fénis e tra Gignod e Gressan), in cui al personale di Aosta si affiancherebbe quello degli altri comuni. Un ulteriore contributo sia alla sicurezza della popolazione, sia alla visione (e alla risoluzione) complessiva delle problematiche che interessano non solo il capoluogo regionale, ma anche il suo circondario, per di più in un campo in cui questa formula può scaturire risultati importanti.



Spazzamento: tutti i divieti di sosta

polizia notteA seguito di parziali variazioni, e dell'ampliamento ad alcune nuove zone, del servizio di spazzamento delle vie e strade della città, è stato rivisto l'elenco dei divieti di sosta settimanali conseguenti a tali operazioni. Nel dettaglio, per consentire le operazioni di pulizia, viene disposto il divieto di sosta con rimozione forzata, dalle 5 alle 9, nei seguenti giorni e zone:

Lunedì: via Berthet (compreso il parcheggio all'angolo con via Page), via Grand Tournalin, via Montagnayes (compreso il parcheggio all'angolo con via Brocherel), via Montmayeur, piazza San Francesco, via Valli Valdostane, via Viseran, via Volontari del Sangue; Martedì: via Abbé Gorret, via Binel; Mercoledì: via Cretier; Giovedì: via de La Pierre (nei tratti a sud e nord di via Chabod), piazzale asfaltato di via Capitano Chamonin (tra i numeri civici 23 e 31), piazzale rialzato tra via Capitano Chamonin e via Vuillerminaz; Venerdì: parcheggio tra le vie Monte Cervino, Mont Fallère e colonnello Alessi (lato Nord), piazzale di via Gran Paradiso; Sabato: via Artanavaz (compreso il parcheggio), via Evançon, via Kaolack, via Voison (tratto a sud di corso Lancieri), parcheggi di via Garin posti a ridosso del campo di atletica.



Christian Diémoz