piano operativo informatico

piano operativo informatico
piano operativo informatico
Tecnologia al servizio dei cittadini
Le priorità del Piano Operativo Informatico

A fine dicembre, la Giunta comunale ha approvato il Piano Operativo 2007 per l'informatica e le telecomunicazioni del Comune di Aosta. Il documento stabilisce le principali azioni nel campo dell'innovazione tecnologica e costituisce un elemento di supporto alla riorganizzazione dell'ente verso l'esterno.
La volontà del Comune di mantenere elevato l'interesse verso i processi che riguardano questo settore è testimoniata dall'investimento sostenuto nel tempo. Dai 996.000 Euro destinati all'informatica e alle telecomunicazioni nel 2003, si è passati al milione e trecentoventunmila Euro stanziati per il 2007, a riprova di un impegno mirato sia all'innovazione che alla razionalizzazione degli investimenti.
L'investimento complessivo rispetto al 2006 è diminuito di circa 111.000 Euro, attestandosi quindi al 7,77% in meno, ma ciò ha una spiegazione. L'anno scorso, infatti, il Comune aveva affrontato dei costi supplementari, per rinnovare l'intera sala server e per la dotazione della stessa, al fine di innovare le tecnologie utilizzate e migliorare le prestazioni complessive.
Lo stanziamento economico relativo all'esercizio è diminuito di 7.154 Euro. Ciò è dovuto ad una attenta politica di risparmio. Infatti, sono state sostituite circa ottanta postazioni di lavoro senza aggiungerne delle nuove ed è stato ridotto del 5% il numero di stampanti in dotazione (spingendo sempre di più sulla loro condivisione). Inoltre, al fine di fornire servizi più efficaci ed efficienti ai cittadini, sono stati potenziati e migliorati gli applicativi utilizzati dagli uffici, senza incrementare la spesa relativa all'esercizio.
La quota stanziata per i sistemi informativi è aumentata di 30.853 Euro, pari piano operativo informaticoall'8,72% in più dell'anno precedente, al fine di incentivare in maniera crescente il rinnovamento e l'ampliamento dei programmi applicativi, ritenuti il cuore della nuova organizzazione dell'ente.
Gli investimenti sulle infrastrutture sono diminuiti di 135.000 Euro (cioè del 35%), quale conseguenza dell'acquisto, effettuato lo scorso anno, di due nuovi server centrali. Tale operazione è stata finalizzata alla dismissione di alcuni server dipartimentali nel corso del 2007, nell'ottica di un ulteriore risparmio sui costi di gestione.
Le linee degli interventi stabiliti dal Piano si sviluppano lungo quattro assi prioritari: la cooperazione con la pubblica amministrazione (sia dello Stato, che a livello locale), attraverso l'attivazione dei servizi in rete a cittadini e alle imprese (progetti di e-government, con l'adesione all'iniziativa "Partout", coordinata dalla Regione Autonoma Valle d'Aosta, nonché, a livello nazionale, a "People" e all'associazione "Anusca"); la valorizzazione e l'aggiornamento infrastrutturale del sistema informativo comunale; l'evoluzione dei sistemi applicativi e funzionali; l'evoluzione delle tecnologie; l'evoluzione dell'organizzazione: attività programmatoria che definisce le linee guida nel settore dell'innovazione tecnologica nell'ambito di un triennio (Piano di sviluppo triennale 2007-2009).
Esaminando nel dettaglio i singoli progetti appaiono di particolare rilievo, per il 2007, le attività legate alla Carta d'Identità Elettronica, con l'inizio dell'erogazione dei servizi demografici in rete, come previsto dal progetto originario.
Verrà quindi rafforzato il legame tra gli Enti pubblici locali, al fine di condividere informazioni provenienti da fonti differenti e per snellire i procedimenti, nonché i rapporti con il cittadino. Inoltre, ci si prefigge l'attivazione del nuovo software di gestione dell'insieme degli atti amministrativi. Questa innovazione permetterà, tra l'altro, ai cittadini di consultare sul sito Internet l'azione amministrativa dell'Ente. Infine, sempre nel corso del 2007, verrà adeguato il portale internet alle norme sull'accessibilità, secondo quando previsto dalla legge n. 4 del 9 gennaio 2004, nota anche come legge "Stanca".

Roberto Gens