ott06-pag05

ott06-pag05
Opere viarie e strutture per anziani in evidenza
Approfondimento sui principali lavori pubblici del periodo

Proponiamo, come di consueto, un approfondimento sui principali interventi pubblici che interessano il Comune. La "panoramica" di questo numero si apre con un'opera entrata nel vivo della sua fase realizzativa. Si tratta della realizzazione del nuovo ponte sul Buthier che, a seguito della preparazione delle aree circostanti, potrà ora essere posato. Nel mese di agosto è cominciata infatti la sistemazione del parcheggio di fronte alle scuole elementari dell'Arco d'Augusto e si procederà, in questo periodo, ad un lieve innalzamento di via Chabod, per portarla alla quota, appunto, del nuovo ponte. Una volta posata la struttura sul torrente Buthier (che, lo ricordiamo, avrà una lunghezza complessiva di 21 metri e 20), sarà possibile cominciare i lavori di realizzazione della rotatoria definitiva in via Pasquettaz. Il termine dell'opera - che si tradurrà in una peculiare opera di riqualificazione del tessuto urbano cittadino, visti i futuri progetti di pedonalizzazione dell'area dell'Arco d'Augusto - è previsto per l'estate 2007.
Verrà invece consegnata all'impresa aggiudicatrice, entro il mese di ottobre, l'area di cantiere dell'intervento che interesserà l'ex Hôtel Bellevue, in regione Saraillon. In questo caso, i lavori consisteranno nella ristrutturazione ed ampliamento della struttura, che verrà destinata a Microcomunità e Centro diurno per anziani. Oltre ad interessare l'edificio già esistente, l'opera vedrà la realizzazione ed il ott06-pag05collegamento all'ex albergo di un "corpo basso" nel quale troveranno posto, oltre alla sala da pranzo per gli ospiti, il soggiorno, i bagni, una palestra di piccole dimensioni, un ambulatorio, la cucina delle dispense, dei magazzini e dei locali di servizio. La capienza della struttura è stata fissata in ventidue ospiti permanenti e altrettanti potranno esserne accolti in regime di centro diurno. In quest'ottica, l'ampia area esterna verrà sistemata con percorsi accessibili ai residenti della struttura, calati in rilassanti aree verdi. L'importo dei lavori ammonta a 2 milioni 236 mila Euro (finanziati per oltre il 90% da fondi dell'Amministrazione regionale) e l'impresa aggiudicatrice avrà a disposizione 540 giorni per completarli.
Una precisazione riguarda poi l'area antistante le scuole elementari del quartiere Cogne, in via Cavagnet. È stato infatti richiesto all'Amministrazione di procedere ad una sistemazione di questo spazio, così da separare maggiormente la strada dall'accesso all'edificio scolastico, nell'ottica di tutelare sempre più la sicurezza dei bambini che vi si recano. L'Assessorato alle Opere pubbliche, non appena manifestata quest'esigenza, ha proceduto a posizionare dei "New Jersey", ma tale soluzione non può che essere considerata temporanea. Infatti, con l'approvazione da parte del Consiglio comunale della deliberazione di salvaguardia degli equilibri di bilancio, sono state previste le risorse per l'attuazione, prossimamente, di un intervento definitivo.
Concludendo, merita di essere sottolineata l'ultimazione - in tempo per l'anno scolastico 2006/7, nel rispetto dei programmi definiti dall'Amministrazione - dell'opera di adeguamento ed ampliamento dell'edificio scolastico di Saint-Martin-de-Corléans, in via Parigi. Nell'insieme, la scuola (sede di classi sia di scuola dell'infanzia, che primarie) è stata interessata dall'abbattimento delle barriere architettoniche, dal posizionamento di un ascensore, dal rifacimento totale di tutti gli impianti, dalla sostituzione dei serramenti interni (poiché quelli esterni sono già stati oggetto di un precedente intervento), dalla tinteggiatura delle pareti esterne ed interne e dal rifacimento completo del tetto della "parte vecchia" dell'edificio. È stato inoltre demolito il corpo (costruito più di 25 anni or sono) prefabbricato, divenuto obsoleto. Gli stessi volumi sono stati ricostruiti in muratura tradizionale, ricavando anche una struttura coperta all'esterno dell'unità principale, per le attività comuni della scuola dell'infanzia.


Christian Diémoz