ott05-pag18

ott05-pag18
In movimento: le proposte del Virtual museum
Tra le novità, una sezione dedicata alla scuola


di Patrizia Nuvolari


I l Virtual Museum Vallée dopo quattro mesi dalla sua inaugurazione è, con i suoi 35.000 visitatori mensili e un totale di 200.000 pagine consultate, una realtà ben consolidata. Una conferma delle potenzialità di internet che favorisce, in modo efficace e immediato, lo scambio interculturale fra soggetti. Il VMV è quindi un Centro culturale online in continuo movimento, in perfetta sintonia con la natura dinamica dei nuovi mezzi di comunicazione. In questi quattro mesi sono state realizzate molte cose come: l'attivazione del Forum, la pubblicazione di nuove Collezioni, il continuo aggiornamento di altre, grazie all'interesse di numerosi collezionisti, curiosi e navigatori in genere. Inoltre, sono state inaugurate, oltre a quelle presentate all'apertura, inedite esposizioni temporanee fra cui: "Un Click d'oeil sur Aoste" a cura della Sezione Fotografica del C.C.S. Cogne; La Cornaille, la tradizionale mucchetta realizzata dai nostri artigiani; Turisti ad Aosta del fotoamatore Filippo Ducly e Stranieri dal cielo dell'artista torinese Tea Giobbio. ott05-pag18
Per favorire la partecipazione e la condivisione con gli utenti sono pubblicate in rete due Collezioni particolari: il MAO del navigatore e il MUMU del navigatore, dedicate alle immagini inviate da tutti coloro che vogliono essere presenti in modo attivo nel VMV. Ma il Virtual Museum Vallée non si ferma qui, infatti non è solo un archivio che raccoglie materiale iconografico, è soprattutto un laboratorio di idee e di emozioni e vuole diventare anche un accattivante strumento educativo. Così Raffaella Lucianaz e Nathalie Clos, da anni esperte nella progettazione e realizzazione di progetti didattici rivolti alle scuole primarie e secondarie di primo grado, introdurranno i bambini e i ragazzi alla telematica e al mondo del Virtual Museum Vallée. Servendosi di metafore semplici ed efficaci, le animatrici inviteranno gli apprendisti navigatori a percorrere passo dopo passo le prime esperienze sulla rete alla scoperta del MAO, primo museo cittadino che raccoglie le immagini della storia passata e presente, i cambiamenti urbani di Aosta, la vita quotidiana dei suoi abitanti e del MUMU che presenta l'iconografia della mucca in tutti i suoi aspetti: dal design alla pubblicità, dalle cartoline ai francobolli, dall'arte all'artigianato.
Il VMV potrà essere interpretato come fucina di idee, pozzo di informazione e sapere, possibilità illimitata di fare, imparare, giocare, apprendere in completa sicurezza. In che modo? Richiedendo a partire dal 1 ottobre 2005 uno dei 70 laboratori didattici gratuiti rivolti alle scuole primarie e secondarie di primo grado che avranno inizio a partire dal 18 ottobre 2005 e termineranno il 28 febbraio 2006.
I lavori didattici sul mondo della mucca e sulla città di Aosta realizzati durante le animazioni o autonomamente dagli insegnanti grazie ai suggerimenti e alle linee guida che verranno fornite dalle animatrici per l'utilizzo dello strumento multimediale, potranno essere pubblicati nella sezione "Spazio Scuola" del VMV, e saranno a disposizione di quanti credono nell'apporto significativo dei new media ai processi di apprendimento e di insegnamento.
Per informazioni e prenotazioni , contattare Raffaella Lucianaz presso la società Netbe - Internet Solutions al seguente numero telefonico 0165 305570, oppure segnalare la propria adesione all'indirizzo di posta elettronica animazioni@vmv.it.