ott05-pag07

ott05-pag07
Tornano le "targhe alterne"
Nuovamente in vigore dalla fine di settembre a marzo 2006


di Christian Diémoz


Anche ad Aosta, la settima giornata europea "In città senza la mia auto", svoltasi lo scorso 22 settembre, ha rappresentato un momento di riflessione significativo. Non solo per il disincentivo all'uso dei mezzi privati, attuato tramite la chiusura al traffico di parte del centro cittadino, ma anche per la dimostrazione di come una città meno congestionata permetta di riappropriarsi di spazi significativi, destinandoli ad attività diverse da quelle abituali e più salutari per il fisico. Lo si è potuto toccare con mano soprattutto nel pomeriggio con la dimostrazione, sempre in centro, di un programma sportivo e, a seguire, imperniato su discipline legate alla danza.
La giornata "In città senza la mia auto" è stata il primo atto di una stagione ricca in iniziative, per il Comune di Aosta, sul versante della mobilità sostenibile. La più importante di queste è rappresentata dal ritorno delle "targhe alterne". Questa misura, attuata nuovamente a seguito dei positivi riscontri ottenuti in occasione della precedente sperimentazione, sarà nuovamente in vigore, per due giorni alla settimana (il mercoledì e il giovedì) dal 28 settembre al 16 dicembre prossimi e, dopo una pausa per le festività di fine anno, dall'11 gennaio al 30 marzo 2006. Il criterio che disciplinerà la circolazione sarà la data: nei giorni pari di applicazione del provvedimento potranno muoversi solo i mezzi con targa pari e viceversa.ott05-pag07
Il provvedimento scatterà sull'intero territorio comunale, ad eccezione delle vie: Parigi, Roma, Ivrea (nel tratto tra l'incrocio con via Mont Velan e via Croix Noire), Pasquettaz, Mont Velan, Ginevra (nel tratto tra via Guedoz e la rotonda tra le vie Parigi, Roma e Gran San Bernardo), Guedoz, Zimmermann, Padre Lorenzo (a nord di via Zimmermann), Croix Noire, Page, Berthet (tra via Page e via Lavoratori vittime del Col du Mont), Lavoratori vittime del Col du Mont, 1° Maggio, Pont-Suaz, Paravera, Voison (tra via Paravera e corso Lancieri), Lancieri, Grand'Eyvia, Piccolo San Bernardo, la strada di accesso al parcheggio del cimitero, Garin, Kaolack, Gran San Bernardo, il tratto nel comune di Aosta della statale n. 27 del Gran San Bernardo e tutte le arterie collinari a nord dell'asse composto da via Parigi, via Roma e corso Ivrea. Su tutte queste direttrici, sarà permessa la libera circolazione di tutti i veicoli. Per quanto riguarda le esenzioni dal provvedimento, potranno comunque circolare, anche nelle zone a circolazione limitata, i velocipedi, i ciclomotori, i veicoli di pubblico soccorso, dei Vigili del fuoco, delle forze dell'ordine e degli uffici giudiziari e penitenziari, quelli con targa estera, quelli commerciali leggeri adibiti al trasporto di cose per conto terzi e quelli dei servizi di autonoleggio. Inoltre, in considerazione della valenza dell'iniziativa (cioè, preservare la qualità ambientale e disincentivare il ricorso ai mezzi privati), potranno circolare anche i veicoli adibiti al car-pooling (documentato dall'azienda di appartenenza), quelli a bassa emissione (alimentazione a metano, GPL, elettrica o ibrida), quelli dotati di filtro antiparticolato FAP (se omologati alle specifiche riportate nell'ordinanza che può essere scaricata dal sito www.comune.aosta.it, che riepiloga comunque tutte le condizioni delle "targhe alterne" ad Aosta) e quelli conformi alle norme Euro 4.
Altre novità, sul versante della mobilità, in ragione della loro importanza, sono approfondite in un altro spazio di questa rivista.
Al di là del contenuto dei provvedimenti, va poi sottolineato che è allo studio, da parte dell'Amministrazione, l'attuazione di moderne forme di comunicazione con la popolazione, essenzialmente in materia viaria (ma non è escluso che ciò possa essere esteso anche ad altri interventi di carattere urgente, come quelli sulle reti idriche e fognarie), incentrate su strumenti multimediali.

"Occhi vigili" sulle ZTL

Saranno installate nel mese di ottobre le quattro telecamere che, una volta in funzione, controlleranno gli accessi alle Zone a Traffico Limitato del centro storico. Posizionati in avenue Conseil des Commis, via Xavier de Maistre, via De Sales e in piazza Arco d'Augusto, gli "occhi vigili" leggeranno le targhe di tutti i veicoli che accederanno alle ZTL. Il collegamento delle telecamere con l'archivio dei mezzi autorizzati permetterà, in tempo reale, di verificare la legittimità del transito, procedendo alla sanzione degli accessi senza titolo. L'introduzione di questo sistema permetterà di rendere sistematico il controllo sugli ingressi, così da garantire sempre più i diritti degli autorizzati al transito e alla sosta nelle ZTL e svincolando agenti di Polizia municipale che potranno essere destinati a compiti di controllo del traffico e della sosta.