ott04-pag17

ott04-pag17
ott04-pag17
Brillante risultato della campagna: Hai tempo da regalare all'ambiente?

di Marco Framarin e Achab Group Piemonte

I ott04-pag17I mesi di Giugno e Luglio hanno visto la Città di Aosta stimolata dalla campagna "Hai tempo da regalare all'ambiente?", concorso a premi per il reclutamento di ecovolontari.
L'iniziativa, promossa mediante locandine affisse sui bidoni e nei negozi, ha portato nelle case dei cittadini un questionario d'opinione allegato ad Aostainforma di giugno. Ben 293 persone hanno restituito il sondaggio compilato! Poco meno dell'1% della popolazione.
Tra questi saranno estratti, nella giornata del 22 Settembre in occasione della manifestazione "In città senz'auto", i vincitori delle tre biciclette poste in palio.
Tra tutti coloro che hanno risposto, compilando e riconsegnando l'apposito pieghevole-sondaggio, ben 208 "concorrenti" hanno segnalato la propria disponibilità ed interessamento per l'iniziativa di attivazione del gruppo degli evolontari.
A questi è stata inviata una lettera di invito ai tre incontri di formazione organizzati per il 13, 20 e 27 settembre.
Come generalmente accade in iniziative di questo tipo, non tutti i cittadini inizialmente interessati si sono effettivamente presentati agli incontri; tuttavia il numero di persone sinora intervenute ha abbondantemente superato le previsioni (solitamente partecipa attivamente circa il 10% delle persone che si dichiarano interessate/disponibili).
Abbiamo avuto il grande piacere di incontrare, durante il primo incontro tenutosi nella biblioteca comunale, ben quarantaquattro cittadini e l'amministrazione comunale confida in un rapporto duraturo e di reciproca fiducia con questi "rappresentanti" del resto della cittadinanza.

Indicazioni interessanti sono emerse anche dall'indagine svolta tramite il questionario.
Da questo è emersa innanzitutto una "sete di informazioni": infatti il 46.4% dei partecipanti ritiene scarse le notizie disponibili sul "tema rifiuti". Il dato è ancor più interessante se si considera che hanno risposto persone particolarmente sensibili e, come tali, attente a tutte indicazioni già disponibili.
Risulta essere diffuso, inoltre, un bisogno di severità nei confronti di chi non segue le normative che rendono obbligatoria la differenziazione dei materiali. Il 90.7% di coloro che hanno risposto vorrebbe veder applicate sanzioni per chi non conferisce i rifiuti correttamente.
Emerge infine una diffusa consapevolezza della necessità di modificare l'attuale sistema di raccolta al fine di raggiungere migliori risultati nelle raccolte differenziate e, sebbene questo cambiamento comporterà un maggior impegno da parte di ciascun cittadino, è altrettanto viva la consapevolezza che questa sia l'unica via per preservare l'ambiente.

In tutto ciò è necessario tener sempre presente che i rifiuti sono legati ad ogni singola persona e che ogni cittadino ha la responsabilità rispetto ai rifiuti prodotti. Dove non ci sono persone non ci sono neanche i rifiuti.
Buona responsabilità a tutti!