ott04-pag13

ott04-pag13
Parco di Saumont, in primavera l'avvio dei lavori
L'area verde è inserita nel progetto di Aosta Capoluogo

di Gianpaolo Charrère

IL'area di Saumont si trasformerà in parco allestito con un'area giochi, alcuni laghetti e percorsi pedonali e ciclabilil primo lotto del nuovo Parco di Saumont, una delle aree verdi pubbliche previste dal piano di "Aosta Capoluogo", sta per arrivare alla fase della realizzazione concreta. A settembre sono state aperte le buste con le offerte delle aziende, e si sta perfezionando l'iter per l'assegnazione dell'appalto. Si tratta di circa 2 ettari di terreno, nella zona che si trova subito dopo il "ponte di corde". In questo momento l'area non è fruibile e porta ancora i segni dell'alluvione dell'ottobre 2000. L'importo di questi primi interventi, che dovrebbero decollare nella prossima primavera, è di circa un milione e mezzo di euro, cifra a base di gara d'appalto. Il tempo previsto per la realizzazione dell'opera è di un anno.
Il parco pubblico sarà strutturato con tre laghetti artificiali, posti a quote leggermente differenziate in modo da creare salti d'acqua, percorsi pedonali e ciclabili lungo il perimetro e un'area giochi per bambini di 600 metri quadrati. E' in programma anche la sistemazione del "ru Baudin", la realizzazione di un parcheggio (sistemato a verde e quindi inserito nel contesto naturale) che sarà posizionato all'ingresso del parco pubblico, per un totale di 100 posti auto e di un marciapiede a sbalzo, con punti di sosta, lungo il torrente Buthier. Il collegamento con regione Consolata è garantito dal marciapiede che è già stato realizzato. Sarà costruita anche una rotonda all'altezza dell'incrocio tra la stada comunale per frazione La Comba e la via che conduce al poligono di tiro. E' previsto uno svincolo riservato ai pullman, in modo da consentire ai passeggeri di scendere dai mezzi in tutta sicurezza.
Il parco di Saumont non è l'unico intervento sulle aree verdi previsto in questo periodo in città. Sono in corso di esecuzione le opere di sistemazione del verde pubblico in corso Padre Lorenzo, via Monte Grivola e Corso XXVI Febbraio. In via Monte Grivola e in via Volontari del Sangue le operazioni sono alle battute conclusive.
Si è rimessa in moto anche un'altra vicenda collegata al piano decennale di Aosta Capoluogo. Si tratta del ponte sul Buthier, primo tassello del progetto che porterà alla pedonalizzazione di piazza Arco d'Augusto. L'obiettivo è di trasferire il traffico sull'altro lato del torrente, spostandolo dall'ultimo tratto di viale Federico Chabod. E' prevista la costruzione di una rotonda, per smistare il traffico all'incrocio con le strade che portano al Beauregard e a Porossan. Un altro mezzo per diminuire il flusso di veicoli verso la zona dell'Arco romano è un'altra rotonda, che la Regione sta per costruire in via Roma, all'altezza della strada per Roisan. In questo modo chi si dovrà dirigere verso Porossan non dovrà più entrare città.
Il progetto del ponte sul Buthier si è "scontrato" con gli eventi dell'alluvione del 2000. E' stato necessario rivedere il progetto esecutivo dell'opera, in modo da aumentare la "luce", e cioé la zona libera sotto il ponte, dove l'acqua potrà scorrere anche in caso di altre eventuali piene. E' già stato dato parere positivo da un punto di vista idraulico. Ora il faldone è stato trasmesso al Via, il comitato di Valutazione d'impatto ambientale, che dovrà esprimersi in merito, visto che il "ponte rivisto" attraverserà il torrente trasversalmente e non più perpendicolarmente, come era previsto dal disegno originale.