giu04-pag03edit

giu04-pag03edit
Editoriale
L'estate chiama, Aosta risponde

Marino Guglielminotti-Gaiet
Assessore alle Politiche Culturali

Daniela Piassot
Assessore alle Attività produttive

L'giu04-pag03editestate bussa alle porte e l'Amministrazione comunale di Aosta, come ogni anno, è più che lieta di rispondere all'invito. Le giornate si allungano, le temperature salgono e il compito del Comune, durante questi mesi, diventa soprattutto quello di offrire opportunità di intrattenimento e di svago, rivolte non solo ai residenti, ma anche ai turisti ed ai visitatori che sceglieranno Aosta nelle prossime settimane.
E' ovvio che, vista l'eterogeneità del pubblico a cui il capoluogo regionale si propone come meta ideale (gli atout disponibili, sia dal punto di vista paesaggistico, sia da quello dei servizi, consentono a molti di trovare qui la loro dimensione), il bouquet a cui abbiamo voluto dare vita sarà vario e composto da fiori di molte specie, così da incontrare i gusti di un pubblico più vasto possibile.
Attenzione però, l'ampiezza dell'offerta non va interpretata come sinonimo di scarse pretese in merito alla qualità degli eventi proposti. L'estate aostana, come dimostrato anche dall'ampia scheda presente in questo numero della rivista, sarà di tutti i colori, ma il palato del Comune è stato decisamente fine nell'allestimento dell'offerta. Al bando quindi ogni banalità, via libera a tutto ciò che è spettacolo e cultura.
Convinti del suo valore universale, abbiamo voluto puntare molto, anche per questa stagione, sulla musica. Le rassegne abituali ('Aosta Classica', l''Aosta Jazz Festival' e la 'Festa della Musica') trovano una conferma del loro ruolo consolidato, mentre le proposte più recenti (come l''Aosta Blues Festival') godranno di una adeguata valorizzazione, così da consentirne una crescita adeguata e in linea con le aspettative del pubblico.
Un discorso a sé stante merita poi il festival 'Strade del Cinema', dedicato alla musicazione dal vivo di film muti. E' un appuntamento di cui il Comune di Aosta va particolarmente orgoglioso, sia per il suo spirito giovane e dinamico, sia per l'importanza che tale manifestazione è riuscita a ritagliarsi negli anni. Quest'anno, le selezioni per partecipare al 'Concorso giovani' si sono tenute anche nel Sud Italia e in Belgio, segno di un interesse che ormai varca ampiamente i confini della Valle.
Le nuove tendenze sono considerate da proposte come 'Celtica' e, per gli amanti dello 'struscio' nelle vie del centro, le occasioni di animazione o musica itinerante, così come quelle legate alla valorizzazione dell'eno-gastronomia, saranno davvero frequenti. Insomma, reputiamo che, anche per l'estate 2004, Aosta arrivi all'appuntamento agghindata di tutto punto, con un ammaliante sorriso sulle labbra e impaziente di regalare emozioni da ricordare con piacere nel tempo.