feb04-pag12

feb04-pag12
Un libro ed un cd per promuovere Aosta
Riguardano la storia della città e il festival 'Strade del Cinema'

di Christian Diemoz

Dfeb04-pag12ue prodotti legati alla città di Aosta sono giunti, di recente, ad arricchire i settori letterario e musicale. Il primo è il libro "Aosta, percorsi di una storia". Il volume è stato presentato di recente, durante un incontro a cui hanno partecipato il sindaco Guido Grimod, l'editore Paolo Musumeci, gli autori dei vari testi di cui si compone l'opera (coordinati dall'architetto Giuseppe Nebbia) e il fotografo Stefano Sarti, autore delle suggestive immagini che accompagnano il lettore, pagina dopo pagina.
Dopo il ricordo di Giovanni Busanelli (uno degli autori, purtroppo recentemente scomparso), l'incontro è proseguito con l'analisi delle diverse ragioni che hanno condotto alla realizzazione dell'opera. Tra queste, l'assenza - da diverso tempo, ormai - di nuove uscite relative al capoluogo regionale e il desiderio di arricchire la bibliografia su Aosta con un lavoro non solo monografico. "Aosta, percorsi di una storia" volge il suo sguardo anche al futuro, con una serie di schede sugli interventi cui è affidato il restyling del volto della città. Quale sviluppo dell'opera, il volume - attraverso i contributi di Giovanni Busanelli, Luigi Cortese, Luca Moretto, Joseph-César Perrin, Gianni Torrione e dello stesso Nebbia - offre varie chiavi di lettura, da quella urbanistica a quella storica, per le vicende di Aosta, dalle sue origini ai tempi più recenti. Innovativa, anche sotto il profilo tecnico, la concezione del libro. Come ha spiegato Stefano Sarti, infatti, "Aosta, percorsi di una storia" è uno dei primi lavori in cui il trattamento e la stampa delle immagini sono avvenute interamente sfruttando tecnologie digitali. Si tratta di nuove possibilità, che conferiscono maggiore morbidezza alle immagini, dando al lettore la sensazione di elementi maggiormente integrati nei testi.
feb04-pag12L'altra realizzazione, anch'essa oggetto di una recente conferenza stampa di presentazione, è il cd intitolato "Notes On Frames". Si tratta della "prima volta" del festival "Strade del cinema" su compact. Infatti, questa compilation propone le musicazioni che si sono aggiudicate il "concorso giovani" dell'iniziativa, tenutosi nello scorso mese di agosto. Per ogni gruppo sono proposti quattro brani, registrati rigorosamente in presa diretta, durante le serate del festival (lo scorso anno, le otto formazioni "giovani" sono state chiamate a misurarsi con altrettanti dei "due rulli" girati da Buster Keaton all'inizio degli anni venti). L'ascoltatore potrà così spaziare dal mélange tecnico/classico dei valdostani "Naïf" alla fusion dei romani "Fonderia", passando attraverso gli archi del "Quatuor Rue Du Nord" e il jazz più tradizionale della "Giulio Pedana Band", da Biella. A testimonianza della sua vocazione promozionale rispetto ad un evento che sempre più sta prendendo quota, "Notes On Frames" è in distribuzione gratuita a quanti ne faranno richiesta (sino ad esaurimento delle copie disponibili) sul sito www.stradedelcinema.it.