dic04-pag18

dic04-pag18
Qualità del servizio, promossi gli asili nido aostani
I dati di un'indagine dell'Assessorato regionale della Sanità

di Gianpaolo Charrère

GNella foto: piccoli ospiti della Garderie "Ape Luna"li asili nido del Comune di Aosta conquistano due dei tre gradini del podio della classifica stilata sulla base di un'inchiesta sulla qualità del servizio condotta dall'Assessorato regionale della Sanità e Servizi Sociali tra gli utenti delle undici strutture attive in Valle. Il "Berra" ha totalizzato le percentuali più alte a livello di soddisfazione globale: l'81,8% dei genitori ha detto di essere soddisfatto "moltissimo" del servizio, il 18,2% "molto". L'asilo di via Roma finisce al terzo posto, dietro quello di Saint-Pierre, con 75% di "moltissimo" e 25 di "molto". La terza sede, quella di viale Europa, si è "classificata" all'ottavo posto, ottenendo 52,6% di valutazioni relative alla massima soddisfazione, 39,5 di molto soddisfatti, mentre il 5,3% del campione ha detto di essere "abbastanza" contento del trattamento.
Nel complesso, gli undici nidi valdostani hanno ottenuto valutazioni lusinghiere, mentre il punto dolente è rappresentato dalle rette: il 55% dei genitori valdostani che hanno risposto all'iniziativa ha giudicato "troppo onerose" le quote a carico degli utenti, e ha osservato che "i sistemi di calcolo sono inadeguati, perché si basano sulle dichiarazioni dei redditi, esatte solo per i lavoratori dipendenti". Il 2005 porterà novità, visto che si sta definendo l'applicazione dell'Irsee, il "riccometro" regionale, lo strumento che tiene conto non solo di quanto contenuto nella dichiarazione dei redditi, ma anche di altri fattori come le proprietà immobiliari e la situazione patrimoniale.
Il "giro d'orizzonte" è frutto di due questionari anonimi distribuiti alle circa 400 famiglie che, in Valle, hanno uno o più bimbi che frequentano il servizio per la prima infanzia. Ben 367 hanno risposto, un dato che dimostra, se ancora ce ne fosse bisogno, l'interesse suscitato da quest'argomento. Al "Berra" la professionalità degli operatori e la progettazione pedagogica è stata promossa da tutti gli intervistati (33), così come il periodo di apertura, l'igiene, la sicurezza e la salute. Il voto più basso è stato quello attribuito ai tempi di risposta delle domande, che soddisfano solo il 33,3% dei genitori. Nella sede di via Roma il massimo dei voti è stato ottenuto dagli operatori, mentre ad essere "moltissimo" o "molto" soddisfatti della pedagogia sono il 97,4% degli intervistati, per l'orario di apertura, l'igiene e i pasti il 97,9%. Nell'asilo di viale Europa gli operatori di confermano al "top", raccogliendo la soddisfazione del 100 per cento dei genitori. La percentuale scende al 96,8% per la progettazione e pedagogia, all'81,6% per il periodo di apertura. Anche l'igiene ha ottenuto il massimo dei voti.
Ad Aosta, i tre asili nido (per un totale di 126 posti) costano complessivamente al Comune 1 milione e 800 mila euro; le rette pagate dai genitori ammontano a 210 mila euro. Le fasce previste ad Aosta sono complessivamente 15, con limiti di reddito che variano a seconda del numero di componenti del nucleo familiare. Le rette vanno da un minimo compreso tra 0 e 50 euro per 37 famiglie aostane, passando per un ammontare intermedio compreso tra 301 e 350 euro per 3 famiglie, per arrivare alla più alta cifra, compresa tra 551 e 600 euro pagata da 1 sola famiglia.
In totale, poi, ci sono 20 famiglie esenti, perchè dichiarano di guadagnare meno della soglia del "minimo vitale2 ( i dati sono aggiornati al 18 novembre 2004). Per fare un esempio, per non pagare nulla una famiglia di tre componenti deve dichiarare un reddito complessivo lordo inferiore a 11.009 euro e 17 centesimi.

Un aiuto per le famiglie numerose

Il 31 gennaio 2005 scadono i termini di presentazione delle domande per ottenere il contributo relativo all'anno 2004 previsto dall'art. 65 della legge 23 dicembre 1998 n. 448.
Si tratta di un beneficio annuale di euro 1508,78 rivolto ai nuclei familiari in cui siano presenti almeno 3 figli minori. Le domande devono essere inoltrate presso i C.A.F. e Patronati convenzionati.
Per informazioni rivolgersi all'Assessorato alle Politiche Sociali del Comune di Aosta (tel. 0165 277811).