cittadella giovani

cittadella giovani
Due anni per inventare la "cittadella" dei giovani
Alla ricerca di locali per l'Ostello della gioventù

Servizi per i giovani, si veleggia verso la "Cittadella" dell'ex macello. L'appalto per la gestione di questo settore, che era scaduto il 31 dicembre, è stato prorogato fino ad aprile. Si sta lavorando al disciplinare della nuova gara, che traghetterà l'offerta del Comune di Aosta verso la fine del 2008 o l'inizio del 2009, quando aprirà i battenti la "Cittadella dei Giovani", in costruzione nell'ex macello di via Garibaldi. Il disciplinare che regolamenterà i servizi rappresenterà la transizione dal "Progetto Giovani" come è stato conosciuto fino a oggi e la nuova realtà della Cittadella. I servizi sono quelli conosciuti come Informagiovani, il Circuito giovani artisti italiani, i Centri sul territorio e il lavoro di strada. La necessità di individuare nuove strategie è stata manifestata anche dal Consiglio comunale, che ha approvato all'unanimità una mozione presentata dai Gruppi di Aosta Viva e dei Verdi. La richiesta: "Portare all'attenzione della Commissione competente una cittadella giovaniproposta di linee guida del nuovo appalto".
La filosofia futura dei servizi per i giovani manterrà le linee fondamentali seguite in passato. Bisogna però tenere conto che la situazione è cambiata, non solo ad Aosta e in Valle, ma anche in tutta Italia. Ci sono giovani i situazione di disagio, ma anche ragazze e ragazzi che devono fare i conti con una realtà fatta di grandi cambiamenti, precarietà e difficoltà a prevedere e programmare il loro futuro. In sostanza, bisogna porsi alcune domande. La prima: considerato che ci sono giovani in difficoltà e altri che sono solo insicuri per il loro futuro, con risposte che sono e devono essere diverse, è possibile creare una sola zona dove le due realtà ed esigenze convivano? La seconda: la situazione unica è auspicabile a livello teorico, ma potrebbe creare difficoltà di gestione, rischiando l'auto esclusione di una fascia. Quindi: è meglio separare le attività della Cittadella da altre da affidare a presidi sul territorio? Altre questioni: quale deve essere la natura delle iniziative e degli scambi tra i giovani aostani e quelli di Albertville? E quale il rapporto tra Cittadella e l'eventuale ostello? Quali interazioni con l'Università della Valle d'Aosta, con il mondo del lavoro e con le attività formative della Regione? Per capire cosa bisogna fare, il gestore che curerà il Progetto Giovani nei prossimi due anni dovrà curare e organizzare incontri, dibattiti, analisi, questionari e interviste con i ragazzi, ma anche con l'Università e le associazioni giovanili e culturali. Le filosofia: sentire dai futuri utenti che cosa pensano e desiderano davvero. Intanto, il Comune è alla ricerca di un immobile destinato ad ospitare il futuro Ostello della Gioventù. Le caratteristiche: la struttura deve avere un superficie abitabile minima di mille metri quadrati, non essere lontano dai flussi di trasporto pubblico, essere privo di barriere architettoniche, risultare idoneo alla destinazione ed essere subito disponibile. Chi è interessato deve far pervenire le offerte entro il 15 marzo. Per maggiori informazioni, bisogna chiamare lo 0165/300449. Il Comune è alla ricerca anche di altri immobili da acquistare e destinare a uffici.

NOVITA' PER STRADE DEL CINEMA

L'edizione 2007 di "Strade del Cinema" sarà dedicata a Stanlio e Ollio e aperta anche alla Germania. La rassegna di cinema muto musicato dal vivo, in programma dal 6 al 15 agosto, ripropone la formula del concorso dedicato ai giovani musicisti con meno di 35 anni. I candidati saranno scelti in selezioni programmate dal 31 maggio al 10 giugno a Palermo, Firenze, Liegi e Aosta. L'artista o il gruppo vincitore riceverà 1500 euro per musicare una pellicola messa a disposizione dal Museo nazionale del Cinema di Torino. Una particolare novità riguarda il progetto "Musica per gli occhi", finanziato dalla Commissione europea. Gli organizzatori dell'Associazione "Strade del Cinema" saranno affiancati da partners belgi e tedeschi. Sono previsti stages dedicati alla musicazione di immagini, in parte pensati per i non vedenti.
Nelle quattro serate del Festival si esibiranno in musicazioni di lungometraggi altrettanti protagonisti della scena musicale europea. Anche per il 2007 "Strade del Cinema" è abbinato al concorso per giovani artisti "Silent art Movies". Cinque le sezioni: pittura, grafica, video, critica e performances. Per informazioni: www.stradedelcinema.it.
Gianpaolo Charrère