apr04-pag14

apr04-pag14
Patinoire di Aosta: non solo riparazioni
L'impianto di Tzambarlet riaprirà per fine anno

ONel corso dell'anno la Patinoire di Aosta sarà oggetto di lavori di manutenzione e migliorialtre a quelli già in corso, tra gli interventi dell'Assessorato alle Opere pubbliche in programma per quest'anno, è da sottolineare quello sulla Patinoire di Aosta. La struttura di regione Tzambarlet necessitava infatti di alcuni lavori di sistemazione (concernenti, prevalentemente, gli impianti tecnici) e l'Amministrazione ha voluto cogliere l'occasione della sua temporanea chiusura per definire una serie di lavori che non solo risolvesse i problemi contingenti del Palaghiaccio, ma che potesse anche presentarsi ampiamente migliorativa della situazione complessiva.
Riguardo ai tempi di attuazione, su cui (com'è naturale) si concentrano le curiosità e le aspettative degli utenti della Patinoire (soprattutto giovani), va premesso che lo scorso 31 marzo ha avuto luogo uno dei passi conclusivi della procedura d'appalto dei lavori, cioè l''apertura delle buste' contenenti le offerte. In questo momento, siamo nell'arco di tempo previsto dalle normative vigenti per compiere le verifiche finalizzate all'aggiudicazione dell'opera, dopodiché l'impresa affidataria disporrà di 180 giorni di tempo per concludere l'intervento. Tenuto conto di tutto ciò, è ragionevole affermare che il Palaghiaccio riaprirà i battenti in tempo per la stagione delle festività di fine anno. Se può sembrare che l'impostazione di quest'intervento abbia richiesto dei tempi tali da apparire lunghi, è perché non ci si è voluti limitare ad un mero rabberciamento dei mali della Patinoire. All'individuazione del problema è infatti seguita una fase di studio sul futuro stesso della struttura e, una volta deciso per il suo mantenimento in essere, di determinazione delle migliori soluzioni tecniche attuabili.
L'impianto di produzione del ghiaccio a servizio della Patinoire, funzionante ad ammoniaca, era infatti ancora quello realizzato nel 1968, quando la struttura era scoperta. Certo, nel tempo è stato opportunamente revisionato, ma, dal punto di vista tecnico, esso si rivelava assolutamente obsoleto e ' oltretutto - non più conforme ai dettami delle normative in vigore. Sarà sostituito con uno funzionante ad acqua glicolata, di nuova concezione. Il Comune provvederà poi ad importanti opere accessorie. Si tratta dell'installazione di un nuovo generatore di calore per la macchina sciogli ghiaccio, della realizzazione di un sistema di ricircolo dell'aria (così da evitare la formazione di condensa sul soffitto della pista), nonché della trasformazione a gas metano della centrale termica dell'impianto. Significativo, infine, l'impegno finanziario dell'Amministrazione per i lavori, dell'ammontare di quasi un milione di Euro.

Novità per la linea n. 10

E' stato attivato, dallo scorso marzo, il nuovo programma di esercizio della linea di trasporto pubblico urbano n. 10, in servizio sulla tratta Aosta/Pléod/Duvet/Aosta. I percorsi su cui è articolato il servizio sono due, con la previsione di quattro corse lungo il primo (con partenza, rispettivamente, alle ore 10, 13.35, 16.15 e 18.15) e cinque sul secondo (partenze alle ore 6.55, 8, 12, 15.15 e 17.15). Il funzionamento della linea è limitato ai giorni feriali (dal lunedì al sabato). Informazioni più dettagliate sui percorsi, sulle esatte fermate e sulla frequenza dei passaggi sono comunque reperibili a bordo dei bus, nonché sul sito internet www.comune.aosta.it (nella sezione 'News dal Comune').