allo bus raddoppia

allo bus raddoppia

ALLÔ BUS funziona e raddoppia

Ampliati i percorsi e prolungati i tempi del servizio a chiamata per la collina

A sei mesi dall'avvio della sperimentazione, avvenuto il 16 ottobre 2006, il servizio di trasporto pubblico a chiamata per la collina di Aosta raddoppia, sia i percorsi sia il periodo temporale della sperimentazione.
Il servizio, voluto dalla città di Aosta e dalla Regione, con il concorso degli altri comuni interessati (Gignod, Saint-Christophe e Sarre), ha, infatti, ottenuto interesse e favori crescenti da parte degli utenti.allo bus raddoppia
E dire che, ancor prima dell'inizio, non erano mancate opposizioni più o meno spontanee.
Il servizio, la cui sperimentazione iniziale è stata possibile grazie alla partecipazione del comune di Aosta e della Regione Valle d'Aosta al progetto comunitario MOBILALP, è riuscito, infatti, a mantenere le promesse, che possiamo così riassumere:

possibilità di ottenere un viaggio su misura ( sia di orario sia di destinazione nei punti strategici della città), previa prenotazione oppure in tempo reale;

  • collegamento di frazioni e nuclei abitati, non raggiunti dal servizio ordinario di linea;
  • collegamento diretto fra le località del territorio collinare, senza dover transitare dal centro città;
  • risparmio di corse a vuoto e di tragitti inutili.

Seppure il periodo iniziale di sperimentazione sia durato appena sei mesi, ed esistano margini di miglioramento nella fase di gestione delle chiamate ed in quella di erogazione del servizio di trasporto, i passeggeri trasportati si sono attestati in media oltre le cento unità giornaliere e sono complessivamente aumentati del 4-5% rispetto al tradizionale servizio di linea, con un incremento significativo nella giornata del sabato.
Grazie all'impegno, anche finanziario, dell'Assessorato regionale dei Trasporti, il periodo di sperimentazione sarà prorogato fino al 31 dicembre 2007 con un ampliamento dell'area interessata. Se i risultati saranno quelli sperati, dal primo gennaio 2008 il servizio a chiamata potrà entrare a regime, con una piccola partecipazione finanziaria degli enti locali.
Le nuove zone servite saranno Porossan, il comune di Roisan, la zona di Variney in comune di Gignod e l'intera collina di Sarre, dalla strada di scorrimento interna fino a Ville su Sarre.
Si creerà così un territorio omogeneo che va dalla collina di Saint-Christophe a quella di Sarre, passando per i comuni di Roisan
e Gignod e l'intera collina di Aosta, e che consentirà di contenere entro il 9-10% l'extracosto rispetto alle tradizionali corse di linea che saranno sostituite.Il servizio a chiamata è, infatti, integrativo del servizio di linea e ne sostituisce le corse negli intervalli orari dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 20.00.
Durante il servizio a chiamata saranno a disposizione cinque mezzi di piccole dimensioni che opereranno sulle direttrici di Saint-Christophe, Roisan, Gignod, collina di Aosta, Sarre, nell'ambito di un'unica rete intercomunicante e con relazioni verso le principali destinazioni nell'area urbana della città, dall'arco di Augusto a Saint Martin, passando dalla stazione ferroviaria e da Piazza Chanoux.
Il servizio a chiamata collegherà nuove località che finora non erano mai state raggiunte dal trasporto pubblico: Busseyaz, Chiou, Neyves per il comune di Aosta; Champvillair scuole ed est, Preil, Salé, Gorrey, Massinod e Closellinaz Dessous per il comune di Roisan; Clut, Vert, Vareille e Ville su Sarre per il comune di Sarre.
L'estensione del servizio a chiamata a queste nuove aree avverrà entro l'inizio del prossimo mese di maggio.
La gestione informatizzata del servizio, con comunicazione in tempo reale fra la centrale operativa e i mezzi, consente una grande flessibilità operativa, offrendo la possibilità di richiedere il servizio, tramite il numero verde 800-916411, anche pochi minuti prima della necessità del viaggio. Per appuntamenti importanti (lavoro, visite mediche, ecc.) si consiglia di prenotare il giorno precedente.
Oltre alla disponibilità dei Sindaci dei comuni interessati, ritengo che occorra riconoscere la più ampia disponibilità della SVAP, l'azienda che gestisce il servizio di trasporto pubblico nel sub-bacino di Aosta e cintura, senza la quale l'innovativo servizio che stiamo testando non avrebbe visto la luce.

Marcello Dondeynaz
Mobility Manager e Coordinatore di MOBILALP