ago05-pag17

ago05-pag17
Viabilità a targhe alterne per la qualità dell'aria


a cura di Marco Framarin


L'Osservatorio Comunale per l'Ambiente si è riunito per l'ultima volta il 20 giugno 2005, al fine di proseguire l'esame della situazione in merito alla qualità dell'aria nella nostra città.
I partecipanti hanno preso atto della situazione attuale: dall'inizio dell'anno sono stati 37 i giorni di superamento del valore limite delle polveri fini (PM10) mentre la normativa vigente ne consente solo 35 l'anno, la media dell'anno 2005 finora registrata, di circa 36,5 Ìg/mc è in leggero aumento rispetto ai risultati degli anni scorsi ma comunque al di sotto del valore limite annuale.
La discussione si è concentrata, quindi, sull'analisi delle cause che hanno determinato simili effetti e sulle attività da condursi sul breve e lungo periodo. L'Osservatorio è consapevole, infatti, che bisogna operare uno sforzo per uscire dalla logica dei provvedimenti d'emergenza ed intervenire in maniera strutturale.
Traffico, impianti di riscaldamento e produzione industriale sono gli "osservati speciali" di questa Commissione: è stato ricordato che, accanto alla componente di emissione locale, ve n'è una derivante da fenomeni secondari su scala regionale a cui si aggiungono fonti geograficamente lontane dalla nostra realtà. Anche tali livelli pertanto dovranno in futuro essere indagati coinvolgendo, ad esempio, organismi quali il Conseil de la Plaine. ago05-pag17
Dal punto di vista operativo, tutte le città italiane si stanno orientando verso misure preventive da adottarsi per il prossimo periodo autunnale - invernale. Aosta non sfugge a tale logica: la valutazione positiva dell'esperienza delle targhe alterne, sperimentata nella scorsa primavera, è stata condivisa da coloro che hanno partecipato ai lavori che hanno suggerito alcune significative correzioni ad eventuali repliche in tal senso.
Pertanto, la proposta discussa consiste nell'istituzione delle targhe alterne, a partire dall'autunno prossimo, nel periodo compreso tra settembre 2005 e dicembre 2005 e successivamente tra gennaio e marzo 2006.
La loro tempestiva programmazione permette di organizzare una capillare comunicazione al fine di responsabilizzare tutti i cittadini affinché utilizzino in maniera più considerevole i mezzi di trasporto pubblici.
Ovviamente, in caso di raggiungimento o superamento del valore limite delle concentrazioni di PM10 nella nostra città per tre giorni consecutivi saranno studiati meccanismi automatici per l'avviso alla cittadinanza dei provvedimenti restrittivi della circolazione che scatteranno o proseguiranno, in caso di valutazione dei tecnici dell'A.R.P.A. di persistenza di tale condizione, a partire dal quinto giorno.
Intanto, a livello nazionale è giunta la notizia che, a seguito dell'emanazione del D.M. Ambiente n. 160 del 18 febbraio 2005, l'Associazione Nazionale dei Comuni Italiani ha costituito un gruppo di lavoro che si occuperà delle problematiche legate all'emergenza inquinamento atmosferico.

Tornano le targhe alterne

L'amministrazione comunale ha programmato un periodo di viabilità a targhe alterne, presumibilmente ogni mercoledì e giovedì nell'arco di tempo compreso tra:
  • il 21 settembre e il 16 dicembre 2005;
  • l'11 gennaio e il 30 marzo 2006.