ago05-pag12

ago05-pag12
Viaggio fra i lavori pubblici di quest'estate
Ponte sul Buthier, imminente l'appalto


di Gianpaolo Charrère


Il progetto del ponte sul Buthier, uno dei tasselli verso la pedonalizzazione di piazza Arco d'Augusto, è alla stretta finale prima della trasformazione in realtà. E' stata indetta la gara d'appalto, con una base d'asta di due milioni e 600 mila euro, che individuerà l'azienda incaricata dal Comune di costruire l'opera che collegherà viale Chabod alla sponda opposta del torrente Buthier. L'obiettivo, in prospettiva, è "spostare" il traffico, "bypassando" la zona dell'arco d'Augusto, oggi uno dei centri nevralgici più trafficati di Aosta. L'intervento fa parte del piano di lavori di "Aosta Capoluogo", ed è collegato a una serie di interventi studiati per rendere meno caotico lo scorrimento del traffico. La Regione ha già cominciato i lavori di costruzione di una rotonda in via Roma, che permetterà a molti automobilisti di evitare l'ingresso in città. Quando sarà terminata la rotonda, si pensa di poter ridurre il traffico del 40 per cento nella zona intorno all'arco romano.
Il progetto del ponte sul Buthier ha avuto un iter travagliato, complicato dall'alluvione dell'ottobre 2000. E' stato necessario rivedere i parametri dell'opera, soprattutto la "luce", lo spazio che la separa dal torrente, per impedire che il ponte, nella malaugurata ipotesi di un'altra piena del Buthier, potesse trasformarsi in una specie di "diga". La revisione del progetto ha reso necessario un altro passaggio nella commissione del Via, la valutazione di impatto ambientale. L'iter amministrativo si è ora concluso, e l'attesa è per la fase di cantiere. ago05-pag12
Sta andando in appalto anche un altro intervento che sarà molto visibile. E' stato approvato il progetto esecutivo della rotonda che sarà costruita tra viale Partigiani e via Chambéry, un altro dei punti "caldi" della viabilità cittadina. Anche in questo caso, rispetto alle idee iniziali, c'è stato un "cambio in corso d'opera". La modifica però non sarà visibile in superficie, visto che si tratta di settanta posti auto interrati, proprio sotto la rotonda. La previsione è di poter concludere i lavori all'inizio del 2008. Le rotonde "alla francese", con precedenza riservata a chi si trova all'interno dell'anello, hanno dimostrato in questi anni di essere una buona soluzione per gestire i flussi di traffico e diminuire gli incidenti, nel numero e nella gravità.
La giunta ha dato il via libera ad un altro progetto esecutivo nel settore della mobilità, ma questa volta si parla di due ruote senza motore. L'esecutivo ha licenziato un piano di un milione e 200 mila euro per la costruzione di nuovi tratti di piste ciclabili. Anche in questo caso si parla della zona dell'Arco d'Augusto, che sarà collegato "via pedale" con il futuro parco del Saumont, sulla sinistra orografica del Buthier. L'inizio dei lavori è programmato per la prossima primavera, per un totale di un anno d'intervento. Un altro tratto di pista ciclabile è previsto in via Roma, per congiungere regione Consolata con l'incrocio di corso Padre Lorenzo. Con l'avvio di questo piano lavori, si arriverà ad un totale di circa dieci chilometri di tracciati riservati agli amanti delle biciclette.ago05-pag12
Quest'estate il Comune è impegnato anche in una serie di asfaltature, per un totale di circa duecento mila euro. Le strade interessate della città sono corso Ivrea, via Chavanne, via Piave, via Matteotti, viale Conte Crotti e alcuni tratti viabili che si trovano in collina. Questo piano è completato da interventi su alcuni marciapiedi.

.

Planimetria della rotonda tra viale Partigiani e via Chambéry;
a sinistra l'area su cui è prevista la costruzione del ponte
sul Buthier dalle sponde di viale Chabod